Google Hands Free, un metodo di pagamento innovativo

Google Hands Free

I metodi di pagamento sono in continua evoluzione e in questi anni sono entrati nel nostro quotidiano gesti che un tempo ci erano ignoti. Basti pensare alla rapida diffusione delle carte di credito: complice l’ecommerce, ormai non sono più usate solo da chi viaggia frequentemente, ma stanno diventando sempre più popolari, anche grazie ai costi ridotti che comporta l’attivazione.

Oggi però non parleremo dei metodi di pagamento ormai entrati nell’uso comune, ma dei metodi di pagamento del futuro imminente. Google ha infatti recentemente presentato Google Hands Free per andare incontro agli utenti, come sempre. Ma di cosa si tratta?

Hands Free, ovvero “mani libere”, permette di pagare senza l’ausilio di contanti, carte di credito o debito e neppure con chip a contatto di carte e dispositivi mobili. Il meccanismo prevede l’installazione di un’app – disponibile sia per iOS che per Android – ma non è necessario avere lo smartphone o il tablet con se al momento del pagamento.

Come funziona Google Hands Free?

L’applicazione in fase di configurazione richiede l’associazione di una foto alla carta di credito sulla quale verrà addebitato ogni singolo acquisto fatto con Google Hands Free. Al momento di pagare la merce in negozio la foto verrà associata dal cassiere al cliente tramite bluetooth o wi-fi. L’acquirente dovrà solo pronunciare “I’ll pay with Google”, ovvero “Pagherò con Google”.

Il metodo è al momento in fase di sperimentazione presso alcuni ristoranti e fast food in USA, ma potrebbe diventare presto realtà.

Vantaggi e svantaggi di Google Hands Free

Sicuramente Google Hands Free darà un vantaggio enorme agli utenti grazie alla possibilità di girare senza contanti o carte di credito quando si fanno acquisti. Tuttavia, a mio avviso, bisognerà controllare attentamente alcune cose:

  • A livello di sicurezza, quali saranno le misure adottate da Google? Nella pagina web ufficiale, il colosso di Mountain View, assicura che nessun dettaglio delle carte di credito verrà condiviso con i negozi. Tuttavia, in caso qualcuno si spacci per noi, come sarà possibile dimostrare il mancato acquisto, se il ladro – per assurdo – ci assomigliasse molto?
  • Nel caso ci siano cambiamenti sostanziali al viso del cliente, egli avrà la possibilità di cambiare l’immagine associata al proprio account? Probabilmente sì, ma anche in questo caso non ci si deve dimenticare di farlo, per non avere qualche problema al momento del riconoscimento facciale. Inoltre chi dice che un mal intenzionato cambi la nostra foto con la sua?

Un mondo senza contanti, è perciò possibile, almeno secondo Google. Ovviamente qualora la fase di sperimentazione fosse un successo, Hands Free arriverà anche in Italia. Siete pronti a testarlo?

Lascia un commento

Tutti i campi sono obbligatori.
L'indirizzo email non verrà pubblicato