Quando utilizzare Pinterest per il proprio business?

Pinterest

Pinterest per il business (e per i privati) è per l’Italia ancora un mondo da scoprire, ma suggerirei agli addetti ai lavori di velocizzare l’esplorazione, valutare i pro e i contro della piattaforma ed iniziare a proporlo nelle nostre strategie di web marketing.

I pregi di questo strumento sono senza dubbio: facilità di utilizzo, immediatezza nella visualizzazione del contenuto, semplicità nella gestione del profilo e forte appeal dato dalle immagini.

Un dato che dovrebbe farci riflettere? La sua crescita di utenti attivi nel 2014 è stata del 97% contro il 39% di Linkedin, l’8% di Twitter, il 7% di Google Plus e il -8% di Facebook (fonte: Global Web Index).

Di fronte ai clienti, però è ancora difficile promuoverlo e soprattutto riuscire a convincerli ad investire su questo social. I numeri però dovrebbero invogliare: in Italia si parla di 500.000 utenze e se dovessimo applicare la percentuale di crescita del 2014 (dati su scala mondiale) rapportandola al Belpaese, arriveremo alla fine del 2015 con 1 milione di utenze. Il gioco potrebbe valere la candela. Se poi i vostri clienti hanno affari con il mondo anglosassone abbiate il coraggio di “costringerli” ad investire qui.

Certo, non lo proporrei per ogni business. Pinterest è femmina, i dati degli ultimi anni lo confermano: siamo attorno al 90% di donne che pinnano. È utilizzato soprattutto da un pubblico adulto, il 50% risulta avere tra i 25 e i 44 anni e secondo RJMetrics (dati di maggio 2014) il 50% dell’utenza femminile ha tra i 35 e i 54 anni.

Ultimo dato importante per una prima analisi su “quando utilizzare Pinterest” è il settore d’interesse: stravince il food&beverage e a seguire fai da te e home decor.

Utilizzo di Pinterest per promuovere il proprio business

Esempio n.1

Cliente: ecommerce che vende decorazioni per torte e dolci, dai pirottini per muffin, cupcake e dolcetti di varia natura fino alle decorazioni per il cake design.

Allestiamo il profilo di Pinterest per aumentare le vendite online e descriviamo ogni bacheca:

  • categoria nella quale inserire i pin più belli degli utenti che abbiano utilizzato uno dei prodotti in vendita, esempio la pasta di zucchero;
  • i dolci preparati nelle festività, sempre scegliendo tra le foto pinnate;
  • concorso “sii dolce con noi” in cui gli utenti preparano la loro specialità, la fotografano e la inviano per vincere un corso online di “cucina veloce”;
  • promozioni della settimana con link diretto alla pagina di dettaglio.

Ovviamente, avendo forte componente SEO, ogni contenuto dovrà essere scritto attraverso l’utilizzo di keywords e hashtag, senza strafare.

Dite che non servirà? Non è attraente l’immagine qui sotto? Le immagini non facilitano la comprensione dell’argomento? E soprattutto il fatto che i partecipanti al vostro successo siano gli stessi utenti che potrebbero comprare nel vostro shop non vi alletta?

pinterest ecommerce

Esempio n.2

Cliente: ristorante a Roma, in centro a Trastevere, il nostro cliente ha puntato tutto sul proprio menù ricercato e sull’arredamento, il target è alto. Puntiamo tutto sull’inglese, il mondo anglosassone è qui e Roma è una città aperta alle visite transoceaniche.

Il profilo potrebbe avere le seguenti bacheche:

  • piatto del giorno, in cui inserire parte della ricetta e link alla notizia del blog in cui lo chef racconta come prepararlo;
  • immagini di Roma più significative che richiamino il quartiere che ci ospita;
  • foto dei clienti che ci sono venuti a trovare e che hanno rilasciato un commenti (senza dimenticare l’informativa sulla privacy);
  • allestimenti del ristorante a seconda delle festività o delle feste private organizzate.

pinterest ristorante roma

Vi ho convinto? Ci raccontate come avete utilizzato Pinterest per il vostro business finora e se ne siete soddisfatti?

Lascia un commento

Tutti i campi sono obbligatori.
L'indirizzo email non verrà pubblicato

 

Commenti

  1. avatarDavide

    uno strumento ancora da scoprire ma che,come ha detto Giulia,potrebbe dare non poche soddisfazioni

  2. Pingback: Quando utilizzare Pinterest per il proprio busi...

  3. avatarLuca Borghi

    Da vero fan di Pinterest non posso non apprezzare questo bel post! Brava Giulia!

  4. avatarGiulia Bezzi Autore

    Grazie Luca, allora ci troviamo su Pinterest! Sia io che Artera abbiamo il nostro profilo. Speriamo che tanti seguano il nostro esempio e come dico sempre in pieno bisogna avere un po’ di SEOSPIRITO e sperimentare…alla prossima!

  5. Pingback: bla bla blogger 16 luglio 2015 - Social-Evolution di Paola Chiesa

  6. Pingback: QUANDO UTILIZZARE PINTEREST PER IL PROPRIO BUSINESS -seospirito